Sant’Anna Arresi Jazz 2013: quello che ho visto!

Si lo so, quest’anno ho dedicato più tempo al mio blog cinematografico ma non ho dimenticato le mie passioni musicali.

Difatti ascolto sempre qualcosa di nuovo e per questo motivo ho deciso di prendermi una pausa per continuare la mia maturazione come eventuale critico musicale.

E come sapete se posso vado ai concerti! Qui oggi parlo del Sant’Anna Arresi Jazz edizione 2013 svoltosi quasi per miracolo nonostante i tagli dei finanziamenti.  Son riuscito a vedere tre serate: il trio Sau Paulo Underground, Konstruct featuring Marshall Allen, Pinuccio Sciola in collaborazione con il gruppo di Marcellino Garau e nell’ultima serata i Sun Ra Arkestra.

Il primo gruppo fa musica elettronica contaminata con musica jazz del trombettista Rob Mazurek: musica interessante a tratti forse un pò pesante. Insomma forse non per tutti ma comunque qualcosa d’innovativo da ascoltare c’è!

I Konstruct nella prima parte hanno fatto musica direi “animale”, suoni presi dalla natura: un progetto interessante. Poi è subentrato anche Marshall Allen e si è passati al jazz caotico, musica che piace o non piace.

Sempre nella stessa serata Pinuccio Sciola e il gruppo di Marcellino Garau hanno fatto sostanzialmente musica cosmica. Un bel mix fra elettronica e le pietre magiche del maestro Sciola. Belle sonorità.

Infine arriviamo all’ultima serata dove troviamo i Sun Ra Arkestra. Occorre dire che questa edizione è stata dedicata al musicista e filosofo Sun Ra che ci ha lasciato proprio vent’anni fa.

E’ stato un concerto divertente, un bel funky – jazz che ha elettrizzato il pubblico e il clima (qualche ora prima la pioggia è stata intensa), musicisti in forma, tutti vestiti in stile egiziano, uno più personaggio dell’altro (non so se avete presente “La pazza storia del mondo” di Mel Brooks, ecco più o meno una cosa del genere).

Metto il video che conclude il concerto del celebre brano “Space in the Place”.

Annunci

Info paveloescobar
Sono un figo ancora non compreso. La mia missione è quella di far conoscere buona musica e di non porsi dei limiti, musicalmente parlando.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: