Quando l’esecuzione fa la differenza……

La mia passione per la musica è nota, ormai. Nel passare degli anni ho ascoltati vari generi, andando oltre la musica commerciale. Ma soprattutto ho imparato nel tempo a “sbattere la testa” su alcuni album ostici, almeno ostici alle mie orecchie, ai miei gusti musicali. Nel settembre 2006 ascoltai “Octopus” dei Gentle Giant e qualche brano mi piacque e per qualche altro pensavo: “il brano mi piace ma non mi piace”. Che strana frase! Quelle mie strane sensazioni le capii solo due anni dopo ascoltando alcuni brani nei live dei Gentle Giant. Iniziai a capire che l’esecuzione può “cambiare” un brano. Su alcune differenze tra musica in studio e live, ne parlerò in seguito in altro post.

In questi ultimi anni ho iniziato ad ascoltare svariati album del genio di Minneapolis ovvero Prince. Questi negli anni 80 componeva ed eseguiva per se stesso ma ha anche composto per i Time e i Family. Ecco per i Family compose un celebre brano “Nothing Compares 2 U”. Il titolo probabilmente non vi è nuovo….Lo dico senza problemi: per molti anni non sapevo fosse di Prince e pensavo fosse invece di Sinéad O’Connor. Comunque l’oggetto del discorso, di questo post, è l’esecuzione! In effetti il brano ebbe un grande successo grazie all’esecuzione ovvero cover della O’Connor, con un esecuzione più grintosa, più “sentita” dando magari più forza alle parole della lirica, insomma più passione!

Metto i video in questione e fatevi la vostra idea di quanto un esecuzione possa cambiare “la bellezza” di un brano.